Brasile, Tropa de Elite : I Miliziani Approfittano dell’Epidemia per Massacrare I Civili nelle Favelas

_χρόνος διαβασματός :[ 3 ] Minuti_

 

“Deve esserci una specie di via d’uscita da qui”, disse il burlone al ladro, “C’è troppa confusione. Non riesco a trovare sollievo.”

La polizia in Brasile uccide persone indifese per poi affermare che erano criminali.

I media si riferiscono a una recente sparatoria, una sparatoria tra polizia e criminali che lascia oltre 20 criminali morti e solo un poliziotto morto.

Se i morti erano davvero criminali armati, come mai sono riusciti a uccidere un solo ufficiale?

O forse questi erano criminali davvero pericolosi colti alla sprovvista.

Ma chi ci dice la polizia del regime dei virus andrà a compiere uccisioni mirate per poi affermare che c’è stata una sparatoria pericolosa con qualche tipo di terroristi che invece erano solo dei dissidenti?

Una situazione del tipo “prima sono venuti per i poveri neri nella favela …”. Chiamatemi la Segre.

AP:

Un sanguinoso scontro a fuoco durato ore in uno slum di Rio de Janeiro è riecheggiato venerdì, con le autorità che affermano che la missione di polizia ha ucciso due dozzine di criminali mentre residenti e attivisti hanno denunciato violazioni dei diritti umani.

Giovedì all’alba, decine di agenti della polizia civile dello stato di Rio de Janeiro hanno preso d’assalto Jacarezinho, una favela nella zona settentrionale della città. Stavano prendendo di mira i trafficanti di droga di una delle organizzazioni criminali più famose del Brasile, il Comando Vermelho, e i corpi si sono ammucchiati rapidamente.

Quando i combattimenti si sono interrotti, ci sono stati 25 morti: un agente di polizia e 24 persone descritte dalla polizia come “criminali”.

Un residente ha detto all’Associated Press che un uomo ha fatto irruzione nella sua casa intorno alle 8 del mattino sanguinante per una ferita da arma da fuoco. Si è nascosto nella stanza di sua figlia, ma la polizia è arrivata di corsa proprio dietro di lui.

Ha detto che lei e la sua famiglia hanno visto gli ufficiali sparare all’uomo disarmato.

Ore dopo, il suo sangue era ancora accumulato sul pavimento di piastrelle di lei e immerso in una coperta decorata con cuori.

Venerdì, i manifestanti si sono radunati davanti al quartier generale della polizia vicino a Jacarezinho per denunciare le violenze, tenendo uno striscione con la scritta “FERMATEVI NON UCCIDETECI!”

Felipe Curi, un detective della polizia civile di Rio, ha negato che ci siano state esecuzioni.

“Nessun sospetto è stato ucciso. Erano tutti trafficanti o criminali che hanno cercato di uccidere i nostri agenti di polizia e non c’erano altre alternative “, ha detto in una conferenza stampa.

Curi ha detto che alcuni sospetti avevano cercato rifugio nelle case dei residenti e sei di loro sono stati arrestati. La polizia ha anche sequestrato 16 pistole, sei fucili, un mitra, 12 granate e un fucile, ha detto.

Il figlio di Bolsonaro, Carlos, un consigliere comunale di Rio influente sui social media, ha sostenuto la polizia. Ha espresso le condoglianze alla famiglia dell’ufficiale caduto su Twitter, saltando ogni menzione degli altri 24 morti o delle loro famiglie. Il presidente non ha fatto affatto riferimento all’incidente giovedì sera nella sua trasmissione settimanale in diretta su Facebook.

Anche poco dopo la fine della sparatoria, circa 50 residenti di Jacarezinho si sono riversati in una strada stretta per seguire i membri della commissione per i diritti umani del legislatore statale che stavano conducendo un’ispezione. Hanno gridato “Giustizia!” mentre battono le mani. Alcuni alzarono in aria i pugni destri.

Se il Regime Mondiale del Virus consente massacri di massa senza alcuna forma di inchiesta governativa credo che dobbiamo mantenere l’attenzione alta, i prossimi potremmo essere tutti noi, ovunque nel mondo.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

ΜEδουσα