Guerra dei Mondi : Ecco I Veri Inventori di Fake News, dal Caso Orson Welles al Virus Sars2

_χρόνος διαβασματός :[ 5 ] Minuti_

 

Credo di aver sentito in TV almeno un migliaio di volte questa storia: 1938, Orson Welles annuncia alla radio che sono sbarcati i marziani, e che l’America subito dopo entrò nel panico. Tutte balle.

La Madre di tutte le fake News non fu l’annuncio di Welles sullo sbarco dei Marziani ma invece il clamore e lo spavento che si diffusero subito dopo questa “rivelazione” radiofonica. Questa è la vera storia dei veri inventori delle fake news e di come questi manipolino e circuiscano i popoli come dei malintenzionati farebbero a delle persone disabili.

“…Si riversarono nelle strade, gridando, e i centralini della polizia impazzirono…l’America rimase sconvolta dall’annuncio radiofonico di Welles…”, etc, etc.

Non solo. Ma i media usarono la fake news della fake news per motivi razziali, denigrando le persone nere ritenute credulone e inferiori intellettualmente.

WashingtonPost:

[…] Ma il mito che migliaia – e fino a 1 milione – hanno assalito le strade rimane potente. Il giornalismo sensazionalista dell’epoca fu in seguito convalidato dagli scienziati sociali e trasmesso dagli storici, creando un mito ben fondato che semplicemente non morirà.

Gli sforzi per sfatare questo mito rivelano che le notizie false non solo distorcono il record storico, ma spesso diffondono anche stereotipi razziali e di genere dannosi.

I giornali che hanno parlato del panico lo hanno fatto in modi che hanno avanzato idee di inferiorità razziale. “Harlem è stata scossa dalla ‘notizia'”, si legge in un sottotitolo in gran parte dimenticato sul New York Times. Nelle «chiese del quartiere dei negri… i servizi serali divennero incontri di preghiera della “fine del mondo”».

Il Brooklyn Daily Eagle ha offerto un resoconto simile, anche se più fantasioso. “Sugar Hill ad Harlem è stata trasformata da un quartiere gay in uno in cui i pensieri sobri e spaventosi erano al primo posto. Negri eccitati si precipitarono nelle congregazioni da salotto che avevano ignorato per anni per unirsi ai canti spirituali. Sono stati accolti dai loro fratelli e sorelle più devoti con “Te l’avevo detto”, mentre cambiavano la loro melodia da oscillazioni e singhiozzamenti a inni e preghiere”, ha riferito il giornale.

Il Newark Star-Eagle, il giornale più diffuso del New Jersey, ha riportato un tipico aneddoto. “Un ufficiale ha detto di aver visto un ragazzo di colore precipitarsi fuori da un negozio di alimentari, dopo aver sentito la radio, e diventare ‘bianco come la bottiglia di latte che stava trasportando’. Il ragazzo, urlando a squarciagola, è fuggito verso casa. “

Queste erano scene tratte dall’allora popolare programma radiofonico “Amos ‘n’ Andy” spacciato per giornalismo. I lettori nel 1938 avrebbero riconosciuto il menestrello offerto qui: lo stereotipo comico dell’afroamericano facilmente spaventato è apparso ampiamente nei media di quell’epoca. Anche per gli standard etici dell’epoca, la diffusa promozione di tali stereotipi denigratori nei notiziari sarebbe stata considerata poco professionale.

Il razzismo in questi rapporti era spesso associato a stereotipi di genere. Folle spaventate di donne e bambini sono apparse sui giornali di tutta l’America. Un famoso esempio è emerso da Providence, R.I., quando “donne in lacrime isteriche … hanno assediato il centralino del Providence Journal”. I rapporti di folle fantasma di donne (“con bambini attaccati a loro”) sono stati ampiamente diffusi attraverso le agenzie di stampa sindacate.

Come per le folle di afroamericani spaventati, nessuna di queste donne è stata identificata o citata. Anche i poliziotti coinvolti a quanto pare hanno preferito nascondere la propria identità. Tutti rimasero senza nome, oscurati dall’anonimato.

I giornalisti, i think tank, i depravati e pervertiti che bivaccano su facebook, sono sempre pronti a denigrare anche gli anonimi, se non poi USARLI per compiere i loro sporchi giochi sulle spalle della civiltà.

Il c.d. razzismo è un fenomeno alimentato, a corrente inversa o alternata, a dismisura dai media da decenni.

Quando i ricercatori della Princeton University hanno successivamente analizzato circa 12.000 articoli di notizie sul panico, la recensione “non è riuscita a produrre più di una mezza dozzina di interviste” per uno studio di follow-up. Questo perché, con pochissime eccezioni, i nomi reali di persone reali non sono stati pubblicati, ma lo sono stati gli stereotipi razzisti e misogini.

Alcuni giornali, tuttavia, hanno cercato fatti, non tropi. E parecchi hanno scoperto poco panico reale. “Il Maine si è rifiutato di eccitarsi”, si legge nel titolo di un articolo del Lewiston Daily Sun.

I giornalisti hanno chiamato i dipartimenti di polizia nelle tre più grandi città del Maine e hanno scoperto che “solo una… chiamata è stata fatta agli uffici del giornale mattutino di Portland, e gli agenti di segnale della polizia sono fuggiti completamente dalle ore di punta dei loro compagni in tutto il paese per assicurare l’ansia dei cittadini spaventati”.

“L’ondata di isteria a livello nazionale generata dalla trasmissione di domenica sera … apparentemente non ha avuto effetto su Dubuque”, ha osservato il Telegraph-Herald a Dubuque, Iowa. A Chicago, Salt Lake City e altrove, alcuni giornali hanno riportato la mancanza di qualsiasi panico locale rilevabile.

Forse il reportage più professionale di quella sera è uscito dalla redazione del Long Island Daily Press. Quando il telefono ha iniziato a squillare, i giornalisti e gli editori della stampa hanno avuto un’idea. Hanno deciso di condurre un sondaggio telefonico di 50 persone e hanno scoperto che solo quattro erano sintonizzati sulla trasmissione ma “nessuno di loro era sconvolto”. Più della metà delle persone telefonate non ascoltava nemmeno la radio, confermando così i risultati del sondaggio nazionale sulle valutazioni di CE Hooper. Il sondaggio Hooper ha stabilito che gli ascolti per “War of the Worlds” erano minuscoli e ha concluso che il 98% degli americani stava ascoltando qualcos’altro, o non ascoltava la radio, quando “War of the Worlds” era in onda.

Il sondaggio telefonico del Daily Press è stato un ottimo giornalismo. Una volta avvisato di una voce, lo staff del giornale ha indagato sulla sua realtà e ha riportato i risultati. Eppure nessuno ha citato il loro lavoro. È stato dimenticato fino a quando Tom Tryniski ha digitalizzato la prima pagina del giornale defunto e l’ha messo sul Web, dove l’abbiamo trovato.

La scoperta di questa cronaca dimenticata, se confrontata con la memoria culturale ispirata dal sensazionalismo dei media, individua le problematiche che sorgono quando gli storici si affidano inavvertitamente alle fake news del passato. In questo caso, il panico di massa come comunemente inteso non h appen, ma i giornalisti dei giornali credevano che i lettori avrebbero pagato per storie su enormi folle di cittadini in preda al panico. Il loro giornalismo immorale e sensazionale era una risposta agli incentivi economici e sociali. (Le fake news di oggi rispondono a questi stessi incentivi.)

La storia del panico di massa della “Guerra dei mondi” è stata sopravvalutata e sottostimata, ed è solo di recente che gli studiosi revisionisti sono stati in grado di chiarire il record storico. Questo episodio fornisce un chiaro esempio del processo attraverso il quale le notizie false possono rapidamente radicarsi profondamente nella cultura americana. Le decisioni politiche, le mosse amministrative del governo e persino la teoria sociale negli Stati Uniti sono state prese sulla base dell’idea che masse di ascoltatori in preda al panico fuggissero dalle loro case, terrorizzate dalla radio, anche se non è andata così.

La lezione è chiara. Sia i giornalisti che gli studiosi devono essere più consapevoli e scettici ogni volta che sorgono storie sensazionali sulla manipolazione dei media. Queste storie sono così irresistibili che possono diventare troppo rapidamente consacrate come fatti, raccontate ancora e ancora come aneddoti fino a quando gli storici alla fine certificheranno i miti come realtà.

Quel processo non è iniziato e non si è concluso nel 1938. Le fake news di oggi possono facilmente informare la psicologia sociale e i libri di storia di domani. Questa è l’ultima lezione che speriamo di aver insegnato con il nostro lavoro “La guerra dei mondi”, e speriamo che sia quella che gli studiosi continueranno a prendere in considerazione.

Bel finale, nulla da aggiungere, Vostro Onore.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

ΜEδουσα